Ultima modifica: 28 maggio 2017

Progetti

immagine-progetti

AREA 1: PER IL SUCCESSO SCOLASTICO

Funzioni strumentali:

  • Prof. Gloria Melandri (Istituto D. Cestari)
  • Prof.ssa Patrizia Boscolo Cegion e prof. Girotto Narciso (Istituto A. Righi)

 

  • ACCOGLIENZA STUDENTI CLASSI PRIME

Click to show/hide

Il piano accoglienza prevede di aiutare lo studente a  percepire positivamente la scuola, lo studio e se stesso, motivandolo ad esercitare un controllo attivo sull’andamento del proprio percorso formativo.

Obiettivi:

  1. favorire la conoscenza dell’ambiente scolastico e delle sue regole di funzionamento;
  2. favorire la conoscenza del percorso formativo;
  3. permettere di acquisire in tempi brevi le capacità, le difficoltà cognitive e/o relazionali dei singoli alunni;
  4. educare ad un uso corretto e sistematico del materiale didattico e dei laboratori;
  5. promuovere relazioni tra gli alunni e tra alunni e docenti, per creare un clima di lavoro sereno e per stimolare la motivazione allo studio;
  6. favorire la socializzazione e l’integrazione del/nel gruppo classe;
  7. ridurre il più possibile l’impatto con la scuola superiore attraverso il confronto con i docenti anche al di fuori dell’ambito scolastico.

 

  • STUDIO ASSISTITO POMERIDIANO (SEDE RIGHI)

Click to show/hide

Il progetto ha lo scopo di fornire agli studenti di classe prima che si trovano in difficoltà nello studio indicazioni pratiche e di far sperimentare con opportuni interventi un metodo di studio efficace.

Obiettivi:

  1. motivare allo studio;
  2. favorire l’acquisizione di un efficace e produttivo metodo di studio;
  3. rafforzare l’autostima;
  4. allenare alla perseveranza;
  5. consolidare il senso del dovere;
  6. migliorare il rapporto docente/discente;
  7. contrastare e prevenire la dispersione scolastica.

 

  • INTERVENTI DI RECUPERO

Click to show/hide

Le attività di recupero costituiscono parte ordinaria e permanente dell’offerta formativa dell’Istituto e hanno lo scopo fondamentale di favorire il successo scolastico e ridurre progressivamente gli interventi di recupero dei debiti, raggiungendo gli standard minimi fissati dai dipartimenti disciplinari e formulati nel piano di programmazione annuale.

Il Consiglio di classe programma gli interventi di recupero e sostegno secondo criteri di ragionevolezza e adeguatezza rispetto ai fabbisogni registrati, scegliendo tra diversi modelli operativi:

  1. recupero autonomo secondo un piano individualizzato preparato e seguito dal docente, comprendente compiti assegnati a scuola e/o a casa;
  2. sportello didattico (anche a distanza) e studio assistito (preferibilmente in orario extra-curricolare) realizzati assegnando ad uno o più docenti, individuati dal Consiglio di classe, compiti di consulenza e assistenza agli alunni nella promozione dello studio individuale;
  3. corso di recupero tradizionale in orario extra-curricolare per gruppi di studenti, indicativamente tra cinque e dieci, omogenei per le carenze dimostrate, anche provenienti da classi parallele (previo raccordo e coordinamento tra i docenti delle due classi su obiettivi e modalità di verifica);
  4. utilizzo del docente in compresenza o di un insegnante a disposizione, per far fronte sia alle necessità di sostegno e recupero che a quelle di approfondimento;
  5. forme di apprendimento cooperativo, con divisione della classe in sottogruppi, scegliendo per ogni gruppo un tutor fra gli allievi migliori.

I corsi sono rivolti a tutti gli studenti dell’Istituto che presentano  nelle discipline o nelle aree disciplinari un elevato numero consistente di valutazioni insufficienti, agli studenti che riportano voti di insufficienza negli scrutini intermedi e a coloro per i quali i Consigli di Classe deliberino di sospendere il giudizio di ammissione alla classe successiva negli scrutini finali.

 

  • FORMAZIONE RAPPRESENTANTI DI CLASSE  E DI ISTITUTO

Click to show/hide

Il corso di formazione per rappresentanti di classe e di istituto ha lo scopo di  creare nella scuola un clima di coinvolgimento e di partecipazione attiva da parte degli studenti,  dimostrando fiducia  nei giovani, coinvolgendoli attivamente nel diventare corresponsabili nella gestione di alcuni momenti della vita scolastica.

I rappresentanti dovranno acquisire le seguenti abilità:

  1. ascoltare e trasmettere informazioni
  2. proporre iniziative e coordinare una discussione;
  3. collaborare con gli altri per raggiungere obiettivi comuni;
  4. organizzare e progettare un lavoro in comune;
  5. gestire le assemblee di classe e di Istituto;
  6. conoscere la normativa di base degli OOCC.

 

  • ORIENTAMENTO IN ENTRATA

Click to show/hide

Lo scopo del progetto è quello di orientare gli studenti provenienti dalle scuole secondarie di primo grado del territorio ad una scelta consapevole del nuovo corso di studi.

Attività:

  1. visite organizzate di classi terze della Scuola secondaria di primo Grado all’Istituto Cestari-Righi (ottobre – gennaio)
  2. organizzazione stage e OPEN DAY
  3. giornate itineranti nelle scuole e/o incontri con genitori
  4. produzione e distribuzione di materiale informativo
  5. offerta minicorsi
  6. preparazione documentazione e proposte
  7. incontri con studenti e genitori di scuole secondarie di primo grado. del territorio o di Comuni limitrofi.

 

  • CORSO DI PREPARAZIONE ALL’ESAME ECDL – AUTOCAD (SEDE RIGHI)

Click to show/hide

Obiettivi:

  1. fornire competenza sull‘uso del software di disegno 2D
  2. sviluppare il test center ECDL AutoCad (attivato l’anno scorso)
  3. conseguimento della patente per gli studenti interni
  4. incrementare corsi ed esami a enti o privati

Attività:

  1. gestione delle Skills Card
  2. organizzazione ed erogazione di Corsi opzionali di preparazione all’esame presso i propri laboratori e con docenti certificati
  3. organizzazione e gestione delle sessioni d’esame presso la propria sede secondo calendario
  4. consegna diplomi e certificazioni

 

  • CERTIFICAZIONE TRINITY

Click to show/hide

Il progetto offre ai propri allievi l’opportunità di ottenere la certificazione delle proprie competenze linguistiche in inglese. E’finalizzato alla realizzazione di corsi pomeridiani di lingua inglese per incrementare le competenze comunicative dei ragazzi e per la preparazione all’esame di certificazione internazionale del Trinity College London.

GESE per i ragazzi del biennio: tale certificazione risulta particolarmente adatta ai ragazzi di prima e seconda, perché incentrata sulle competenze orali che, se adeguatamente rinforzate in questa fascia d’età, possono determinare un atteggiamento positivo e disinvolto nell’utilizzo della lingua straniera, facendone una reale risorsa comunicativa.

ISE per i ragazzi del triennio: tale certificazione può diventare utile per l’accesso all’Università e      al mondo del lavoro.

Obiettivi

  1. incentivare lo studio della lingua straniera
  2. permettere il conseguimento di un certificato

Attività:

  1. selezione di 30 studenti in base al profitto in inglese
  2. due corsi di distinto livello (20 ore ciascuno) in parte con madrelingua
  3. accoglienza ispettore Trinity College London
  4. preparazione e organizzazione sessione d’esame

 

  • CERTIFICAZIONE DELF (Diplome d’Etudes en langue française) – SEDE CESTARI

Click to show/hide

La certificazione, essendo riconosciuta a livello internazionale dalle pubbliche amministrazioni e soprattutto dai datori di lavoro, può senza dubbio dare una marcia in più a chi vuole coltivare, per motivi di studio o per lavoro, la lingua francese.

Obiettivi

  1. far acquisire una competenza linguistica che consenta di comunicare e interagire, seppure ad un livello di difficoltà intermedio, in situazioni concrete della vita quotidiana, in maniera adeguata agli usi ed alle modalità di comportamento.
  2. Alla fine del corso lo studente sarà in grado di comprendere, imparare a leggere e scrivere le frasi più ricorrenti e di comporre nuovi frasi con la conoscenza di nuovi vocaboli. Rispetto ai contenuti il corso è strutturato in tre moduli: ascoltare, parlare, e scrivere. Il corso di preparazione si articolerà in esercitazioni di lessico, grammatica, fonetica, lettura e scrittura.

 

  • CERTIFICAZIONE DELE (Diplomas de Espanol como Lengua Extranjera) – SEDE CESTARI

Click to show/hide

Obiettivi

  • certificare il grado di competenza e di padronanza dello spagnolo

Gli attestati sono rilasciati dal Ministerio de Educación y Cultura de Espaňa per il tramite dell’Instituto Cervantes, l’istituzione educativa spagnola ufficiale i cui centri di promozione e di diffusione dell’insegnamento della lingua sono presenti in quattro continenti. I diplomi DELE si articolano in tre livelli (Certificado Inicial – CIE, Diploma Basico -DBE, Diploma Superior -DSE), ciascuno dei quali si attiene agli obiettivi linguistici delle Linee Guida elaborate dal Consiglio d’Europa, alle quali fanno capo tutti gli Enti Certificatori Internazionali.

 

  • ATTIVITA’ SPORTIVE

Click to show/hide

Obiettivi:

  1. ampliare l’offerta formativa  attraverso corsi in orario curricolare ed extra curricolare di attività sportive non praticabili in Istituto quali nuoto, canoa, tennis, corsa di orientamento e arrampicata ed altri sport eventualmente disponibili nel territorio;
  2. favorire il confronto tra alunni di classi diverse attraverso la partecipazione a tornei di calcetto, pallavolo, tennis-tavolo, beach volley, beach tennis e ad eventuali altri giochi o a discipline individuali che vedano una partecipazione numerica adeguata;
  3. selezionare gli atleti per le rappresentative d’Istituto;
  4. approfondire la specialità dell’atletica leggera e dello sport di squadra;
  5. favorire il confronto tra gli studenti delle due sedi e con il Liceo locale;
  6. preparare l’equipaggio di voga alla veneta in vista della regata interistituti.

 

  •  CISCO ACADEMY – IT ESSENTIALS (SEDE RIGHI)

Click to show/hide

Obiettivo: far acquisire competenze tecniche su assemblaggio di un personal computer,  sull’installazione di sistemi operativi, sulla messa in rete, su manutenzione e aggiornamento di un PC.

Destinatari: studenti di classe terza e quarta dell’indirizzo di “Informatica e Telecomunicazioni” (in orario curricolare).

Per gli studenti dell’Istituto Cestari-Righi e per esterni il corso si sviluppa durante incontri pomeridiani.

 

  • PROGETTO TUTOR

Click to show/hide

Obiettivi

  1. offrire un’ulteriore possibilità di recupero agli studenti del Biennio mediante l’aiuto e la collaborazione tra studenti;
  2. favorire l’apprendimento cooperativo tra studenti di classi diverse;
  3. promuovere e valorizzare l’impegno e lo spirito solidale degli studenti che si mettono a disposizione dei compagni in maggiore difficoltà, riconoscendo crediti scolastici.

Il progetto è rivolto agli studenti del biennio che presentano  nelle discipline o nelle aree disciplinari valutazioni insufficienti e che desiderano superare le loro difficoltà grazie la collaborazione di alcuni studenti di classe terza.

 

  • ASSEMBLEE STUDENTESCHE

Click to show/hide

Le assemblee favoriscono la partecipazione democratica, il dialogo e il confronto tra studenti e docenti su problemi scolastici; inoltre possono essere, grazie all’intervento di esperti, un momento di approfondimento su problemi sociali, culturali, artistici e scientifici.

Le assemblee potranno essere tenute durate l’orario delle lezioni nel limite di una al mese.

 

  • PROGETTO “FAI” (SEDE CESTARI)

Click to show/hide

Apprendisti Ciceroni ” Gli squeri di Chioggia al museo e in città”

Obiettivi

Far conoscere agli studenti il patrimonio artistico e culturale della propria città attraverso lo studio e l’approfondimento del tema degli squeri (gli antichi cantieri navali chioggiotti). Il percorso di apprendimento prevede lo studio di testi, la visita al Museo Civico di San Francesco fuori le Mura, in particolare al terzo piano dedicato proprio alla marineria, ma anche interviste a pescatori e maestri d’ascia locali, a parenti ancora legati al tema della pesca e della cantieristica, la ricerca di vecchie fotografie che documentino queste attività, spesso praticate da parenti e amici, promuovendo una riscoperta e una rivalorizzazione delle proprie origini e del passato più o meno recente della propria città.

Ÿ Gli studenti impareranno attraverso questo progetto non solo a indagare aspetti inediti della propria città, ma anche a relazionarsi con il pubblico, proponendo la tematica approfondita alla popolazione.

Consentire agli studenti di misurarsi con l’attività di guida turistica, passando attraverso un ente riconosciuto a livello nazionale ed internazionale per la valorizzazione dei patrimoni artistici locali, il Fondo Ambiente Italia.

 

AREA 2: INTEGRAZIONE E BEN-ESSERE

Funzioni strumentali:

  • Prof.ssa Lucia Tiozzo, Prof.ssa Natascia Boscolo Anzoletti (Istituto D. Cestari)
  • Prof.ssa Petra Gallimberti e prof. Diego Nordio (Istituto A. Righi

 

  • A SCUOLA CON I DSA (SEDE RIGHI)

Click to show/hide

Obiettivi

  • Favorire il successo scolastico degli alunni con diagnosi di DSA attraverso nuove strategie di lavoro e l’utilizzo di strumenti compensativi e dispensativi
  • Informare e sensibilizzare le famiglie nel processo educativo degli studenti con Dsa
  • Promuovere e sostenere l’utilizzo di alcuni semplici strumenti compensativi da parte degli studenti e insegnanti
  • Favorire un clima di collaborazione fra i vari stakeholder
  • Ridurre i disagi relazionali ed emozionali degli studenti con Dsa
  • Favorire l’utilizzo di una didattica inclusiva attraverso la costruzioni di percorsi didattici sempre più personalizzati ed individualizzati
  • Promuovere un clima di rispetto e comprensione per la diversità

Destinatari: studenti con disturbo specifico di apprendimento presenti nell’Istituto

 

  • EDUCAZIONE ALLA SALUTE

Click to show/hide

Obiettivi

–   Costruire un concetto di “salute” come valore.

–  Attivare un’autentica strategia di promozione alla salute, che prevede e richiede interventi per sviluppare nella persona, in particolare negli adolescenti e nei giovani, la capacità di prendere decisioni coscienti nei riguardi del proprio benessere generalmente inteso.

–  Favorire l’integrazione   armonica e responsabile nella vita della collettività.

–  Promuovere lo sviluppo sul piano fisico, affettivo e sociale.

Nello specifico il nostro Istituto si attiva per garantire agli alunni una vita più sana, promuovendo stili di vita salutari, creando un ambiente stimolante e sereno, permettendo agli alunni di impegnarsi per creare una comunità sana e per condizioni di vita migliori.

Nel corso dei cinque anni, a livello diverso (biennio e/o triennio), tutti gli studenti saranno interpellati come fruitori/protagonisti di lezioni sul tabagismo, sull’alcoolismo, sulla sana e corretta alimentazione, sulla prevenzione all’uso di sostanze, sulla salvaguardia  dell’ambiente.

Capitolo importante è quello della prevenzione alle tossicodipendenze.

Per ridurre i comportamenti a rischio, per accettare la diversità e rifiutare la discriminazione, per instaurare relazioni positive con coetanei e adulti diventa indispensabile conoscere e saper prendere decisioni per il proprio benessere.

In particolare, gli interventi tendono al raggiungimento dei seguenti obiettivi:

– informare gli studenti sulle tematiche proposte;

– invitare gli studenti a riflettere sugli atteggiamenti, sugli stereotipi, sui comportamenti;

– approfondire la dimensione culturale dei fenomeni presi in considerazione;

– prevenire comportamenti a rischio.

Le attività nell’ambito dell’Educazione alla Salute consistono in una serie di iniziative che contribuiscono allo sviluppo consapevole ed equilibrato della personalità dell’adolescente.

Gli  incontri sono svolti, di norma, all’interno dell’orario scolastico e coinvolgono, secondo la loro specificità tutte le classi.   In sintesi :

  • Punto d’ascolto: incontri individuali e/o a piccoli gruppi, su prenotazione. Il Punto di Ascolto nasce per offrire agli studenti, docenti e/o genitori l’opportunità:
  • di parlare con un esperto su tematiche adolescenziali, personali, familiari, relazionali;
  • di ricevere informazioni sulle problematiche presentate dal singolo;
  • di ricevere supporti e punti di riferimento in un’ottica preventiva.
  • Progetto prevenzione alcol rivolto alle classi prime per prevenire i danni da abuso di alcol in collaborazione con l’ASL 14. Le classi effettueranno un’uscita  presso Villa Ca’ Dotta a Sarcedo (Vicenza ) e parteciperanno a  un percorso laboratoriale interattivo.
  • Un incontro di due ore per ogni classe seconda sul tema affettività consapevole.
  • Approfondimento: educazione a una corretta alimentazione rivolto alle classi seconde.
  • Incontro con operatori sanitari rivolto alle classi quarte sul tema:“Contro la stigma nei confronti delle Malattie Mentali: conoscere per scegliere”.
  • Un incontro di due ore per ogni classe quarta tenuto da esperti dell’ AIDO, al fine di sensibilizzare sugli aspetti umani, sociali e legislativi della donazione di organi e tessuti.
  • Progetto Martina, incontro di sensibilizzazione alla prevenzione dei tumori con medici specialisti, rivolto alle classi quarte.
  • Teatro Immagine in collaborazione con Avis per sensibilizzare alle donazioni e all’altruismo.
  • Corso di Primo Soccorso, 6 incontri di 2 ore ciascuno rivolti alle classi quinte.
  • Interventi di PREVENZIONE HIV in collaborazione con l’Asl 14 rivolti alle classi terze..
  • Progetto genitori, attività rivolta alle famiglie degli studenti del biennio sul tema “Adolescenza cosa cambia”

 

 

AREA 3: I COLLEGAMENTI CON IL TERRITORIO. ORIENTAMENTO IN USCITA.

RAPPORTI CON L’UNIVERSITA’ E IL MONDO DEL LAVORO

Funzioni strumentali:

  • Prof.ssa Carla Boscolo (Istituto D. Cestari)
  • Prof. Robero Donin (Istituto A. Righi

 

  • ORIENTAMENTO IN USCITA

Click to show/hide

Il progetto ha lo scopo di far conoscere proposte formulate da Istituti, Aziende, Collegi e Ordini Professionali, Università e Forze Armate o di Pubblica Sicurezza per soddisfare le specifiche richieste dei singoli studenti.
Destinatari: studenti dell’Istituto che frequentano l’ultimo anno del corso di studi
  • ALTERNANZA SCUOLA-LAVORO

Click to show/hide

L’iniziativa si prefigge di:

  1. far conoscere agli studenti il mondo del lavoro e della produzione;
  2. attuare modalità di apprendimento flessibili ed equivalenti che collegano la formazione in aula con l’esperienza pratica;
  3. arricchire la formazione acquisita nei percorsi scolastici e formativi con l’acquisizione di competenze spendibili anche nel mercato del lavoro;
  4. favorire l’orientamento degli studenti secondo gli interessi e gli stili di apprendimento individuali.

Gli studenti partecipano a stage presso Enti e Aziende del territorio e ad attività seminariali di aggiornamento tecnico e normativo sulle tematiche inerenti le specializzazioni presenti in Istituto. Gli stages vengono certificati dalla scuola e valgono come credito scolastico.

Destinatari: studenti del triennio del corso di Edilizia, in modo particolare quelli di classe quarta e studenti del corso di Elettronica ed Elettrotecnica.

  • SISTEMA OPERATIVO “ANDROID” (SEDE RIGHI)

Click to show/hide

Obiettivi: offrire le conoscenze di base del sistema operativo ANDROID, implementato in molti dispositivi mobili (tablet, cellulari…) e sviluppare delle piccole applicazioni con tale sistema.

Destinatari: studenti del triennio del “RIGHI” dell’indirizzo “Elettronica e Telecomunicazioni”, sia del corso diurno che serale ( massimo 25 partecipanti).

  • RECUPERO FORTE SAN FELICE – CHIOGGIA (SEDE RIGHI)

Click to show/hide

Obiettivi:

  1. far conoscere un luogo di importanza storico culturale come il Forte S. Felice, ubicato nella bocca di porto di Chioggia;
  2. progettare un nuovo ’utilizzo dell’area, destinandola a strutture ricettive. alberghiere e quant’altro, per una riqualificazione ed un suo rilancio significativo.

Destinatari: classe quarte e quinte.

  • PROGETTO ALTERNANZA SCUOLA-LAVORO (SEDE CESTARI)

Click to show/hide

Il progetto, realizzato nel nostro Istituto da diversi anni, è nato dall’esigenza di favorire il miglioramento dell’apprendimento degli studenti, avvicinando la formazione fornita dal mondo della scuola alle competenze richieste dal mercato del lavoro attuale, attraverso la sperimentazione di “altre” metodologie didattiche, basate sia sul sapere, sia sul saper fare (cfr.: art. 2, comma 1, lettera g – Legge 53/2003). L’alternanza “scuola-lavoro” assume, perciò, una valenza istituzionale e la realizzazione di percorsi formativi che utilizzano tale metodologia, chiaramente esplicitata nell’art. 4 della Legge di riforma, deve “assicurare ai giovani, oltre alla conoscenza di base, l’acquisizione di competenze spendibili nel mercato del lavoro”
Per realizzare questo scopo è stata data la possibilità agli studenti delle classi quarte, che abbiano già compiuto il quindicesimo anno di età, di “svolgere l’intera formazione dai 15 ai 18 anni attraverso l’alternanza di periodi di studio e di lavoro, sotto la responsabilità dell’istituzione scolastica o formativa, sulla base di convenzioni con imprese e con enti pubblici e privati ivi inclusi quelli del terzo settore, disponibili ad accogliere gli studenti per periodi di tirocinio che non costituiscono rapporto individuale di lavoro” (art.4, comma 1, lettera a) della Legge 53/2003).
Il nostro percorso di apprendimento in alternanza si caratterizza per:

  • l’individuazione e il perseguimento dei medesimi obiettivi di apprendimento in contesti diversi (scuola – lavoro);
  • la certificazione delle competenze acquisite, previo accertamento delle medesime mediante strumenti di verifica validati;
  • il riconoscimento delle competenze certificate come crediti formativi per le azioni successive del percorso;
  • il rispetto delle convenzioni locali;
  • la presenza di due tutor: uno interno alla scuola (tutor scolastico) e un altro esterno (tutor aziendale) designato dalle aziende o dagli enti che ospitano gli studenti.

Il percorso di alternanza tra scuola e impresa, per le caratteristiche di forte integrazione tra le attività sviluppate nei diversi ambiti, implica la presenza di alcuni elementi essenziali per la buona riuscita dell’intero percorso di apprendimento. Tali requisiti, essenziali per l’avvio dei progetti, si possono sinteticamente riassumere come segue:

  1. presenza di un accordo tra i soggetti che assicurano il supporto formativo all’individuo che apprende;
  2. L’accordo si articola a diversi livelli: programmatico (definizione di obiettivi e azioni), organizzativo, progettuale, attuativo, di controllo dell’apprendimento, di valutazione e certificazione delle competenze acquisite;
  3. gestione dei flussi informativi tra i diversi contesti e soggetti coinvolti, ciascuno dei quali non si limita solo alla realizzazione delle azioni di sua competenza, ma deve gestire anche il collegamento con le operazioni realizzate da altri soggetti. In tale contesto, fondamentale appare la condivisione del valore formativo dell’alternanza da parte delle famiglie e la centralità dei bisogni degli studenti, le cui motivazioni vanno rispettate e valorizzate;
  4. progettazione dell’intero percorso, sia delle attività in aula sia dei periodi di permanenza in azienda, condivisa e validata dai diversi soggetti che collaborano alla formazione e dall’individuo in apprendimento;
  5. condivisione dei criteri e degli strumenti per il controllo e la valutazione e delle procedure per il trattamento di eventuali disfunzioni.

In sintesi le fasi della progettazione del percorso sono:

  1. L’identificazione degli obiettivi
  2. La definizione dei risultati attesi
  3. La progettazione di massima
  4. La combinazione dei progetti operativi in un progetto unitario
  5. La verifica e la validazione del progetto

Le singole attività (unità formative) in cui si articola il percorso possono essere sia di gruppo (classe, livello, o sottoinsiemi) sia individuali, essere realizzate in autonomia o in forma guidata e possono comprendere:

  • l’acquisizione di informazioni, concetti, teorie, modelli interpretativi
  • l’esecuzione di compiti
  • la progettazione e realizzazione di attività
  • l’accesso a percorsi di personalizzazione
  • prove per l’accertamento degli apprendimenti e delle competenze acquisite.

Il percorso in alternanza si sviluppa nelle classi terze, quarte e quinte ( con lo stesso gruppo dell’anno precedente) con un monte ore complessivo di 240 ore.
Le attività previste sono svolte presso le due realtà, Scuola e Azienda, con modalità e tempi diversi secondo gli anni di riferimento.

  • PERCORSI INTEGRATI DI ASL (SEDE CESTARI)

Click to show/hide

L’intervento nasce dalla richiesta di raccordo tra mondo della scuola e mondo del lavoro da cui discende la necessità di potenziare occasioni di rapporto tra docenti, operatori del settore e aziende per migliorare e adeguare l’offerta formativa in relazione alle possibilità di impiego del territorio. In particolare gli studenti delle classi 4^ e 5^ conoscono solo parzialmente la realtà aziendale, come questa si rapporti con i cambiamenti socio – economici in atto e soprattutto quali siano le richieste, in termini di conoscenza e competenza, a cui dovranno corrispondere.
Dall’esperienza pregressa risulta necessario:

  1. accrescere gli elementi di indirizzo sviluppati nel corso di studi in relazione anche alle esigenze delle realtà produttive del territorio;
  2. offrire agli studenti occasioni di incontro/confronto/formazione con professionalità provenienti dal mondo del lavoro;
  3. migliorare le capacità degli studenti di individuare e selezionare le opportunità formative più coerenti con le proprie capacità e con i propri interessi;
  4. incentivare in modo sempre più crescente metodologie didattiche innovative incentrate su modalità di apprendimento basate sulle attività laboratoriali;
  5. sapersi destreggiare con flessibilità, professionalità per rispondere ai problemi con soluzioni in piena autonomia.

Il percorso di ASL prevede, ad integrazione del percorso curricolare, attività di stage in azienda finalizzate ad implementare conoscenze ed abilità acquisite in ambito scolastico, ma anche occasione di:

  1. ampliamento delle stesse secondo la modalità del “learning by doing”, in particolare per quanto riguarda l’acquisizione, il consolidamento e lo sviluppo di conoscenze tecnico-professionali in contesti produttivi;
  2. acquisizione di competenze relazionali, comunicative e organizzative finalizzate alla risoluzione di problemi;
  3. scoperta delle proprie vocazioni personali, degli interessi e stili individuali, da maturare “sul campo” e successivamente spendibili nel mercato del lavoro;
  4. offrire agli studenti la possibilità di accedere a luoghi diversi da quelli istituzionali per valorizzare le potenzialità personali e professionali in contesti di apprendimento informale e non formale;
  5. favorire il passaggio degli studenti al mondo del lavoro anticipando attraverso l’esperienza formativa, la valutazione circa la corrispondenza delle aspettative e degli interessi personali con gli scenari e le opportunità professionali che il mercato offre.

Il Collegio dei Docenti ha stabilito – attraverso il POF, le Linee guida e il progetto ASL – che, per la loro introduzione nel mondo del lavoro, siano inseriti nella programmazione dei consigli di classe interventi sulla sicurezza nei luoghi di lavoro.
Il progetto si sviluppa in diverse unità didattiche formative specificatamente indirizzate a integrare il percorso curricolare, per lo sviluppo delle quali si farà ricorso a figure esperte del settore, rappresentanti di associazioni di settore, docenti dell’istituto, tutor aziendali e interni.

 

  • STAGE PRESSO GLI ENTI E LE AZIENDE DEL TERRITORIO

Click to show/hide

Il tirocinio, o stage, si configura come un’opportunità formativa e di orientamento, regolata da una convenzione, che risponde all’esigenza fondamentale di avvicinare il sistema formativo e il mondo del lavoro. Tale iniziativa si sostiene grazie ad una rete di relazioni, promosse tra l’Istituto ed Enti Pubblici, Associazioni di Categoria ed aziende private, che garantisce la finalità formativa degli stage, permettendo una relazione costruttiva tra i responsabili della scuola e quella degli uffici che accolgono gli allievi. Gli stage sono rivolti agli allievi delle classi terze e quarte per una durata da tre a sei settimane, durante il periodo estivo.
Gli allievi sono affiancati da un docente-tutor che rimane in contatto con il tutor aziendale per assicurare l’effettivo svolgimento del progetto formativo e per appianare eventuali difficoltà, garantendo alle famiglie la tutela degli allievi durante tutta l’esperienza.

 

  • COORDINAMENTO COMITATO TECNICO SCIENTIFICO

Click to show/hide

I percorsi formativi dei nuovi Istituti tecnici per il settore economico , prevedono l’introduzione di nuovi modelli organizzativi per sostenere il ruolo delle scuole come centri di innovazione, attraverso la costituzione di:

  • Dipartimenti, quali articolazioni funzionali del collegio dei docenti per un aggiornamento costante dei percorsi di studio, soprattutto nelle aree di indirizzo;
  • l’istituzione di un Comitato tecnico-scientifico, con composizione pariretica di docenti ed esperti, finalizzato a rafforzare il raccordo sinergico tra gli obiettivi educativi della scuola, le innovazioni della ricerca scientifica e tecnologica, le esigenze del territorio e i fabbisogni professionali espressi dal mondo produttivo;
  • la realizzazione di un Ufficio tecnico per migliorare l’organizzazione e la funzionalità dei laboratori e la loro sicurezza per le persone e per l’ambiente.
  • monitoraggio e valutazione delle innovazioni anche in relazione alle indicazioni dell’Unione europea.

Il CTS è un organo consultivo i cui compiti, visto il Regolamento e la relazione di accompagnamento, sono condivisibili e praticabili in funzione del rafforzamento dei rapporti della scuola con l’esterno. Il CTS ha funzioni:

  • consultive nei processi decisionali finalizzati all’elaborazione del POF con particolare attenzione alle aree di indirizzo ed alla progettazione degli spazi di autonomia e flessibilità;
  • di raccordo tra la finalità educativa della scuola, le esigenze del territorio e le reali figure richieste dal mondo del lavoro, dal mondo della ricerca e dell’università.

In tale operato il CTS contribuisce alla realizzazione delle esperienze di alternanza Scuola-Lavoro, di Stages aziendali per studenti e docenti e di raccordo con i Centri di ricerca.
L’istituzione di un CTS all’interno degli istituti tecnici è una novità assoluta a livello nazionale e prende il via da due principali documenti ufficiali; il primo è il regolamento di riordino degli Istituti Tecnici e il secondo è il Protocollo d’intesa per il rilancio e lo sviluppo dell’Istruzione tecnica firmato dal Ministero dell’Istruzione e Confindustria.

  • COORDINAMENTO ACCREDITAMENTO REGIONE VENETO

Click to show/hide

A seguito della fusione dell’Istituto “Cestari” con l’ITIS “Righi”, si è reso necessario il rinnovo dell’accreditamento da parte della Regione Veneto per l’Orientamento (interventi a supporto di percorsi di formazione e lavoro, sostegno all’inserimento occupazionale) e la Formazione superiore.( IFTS, post diploma o post qualifica )

  • L’accreditamento colloca concretamente l’istituzione scolastica nel territorio
  • la scuola può coordinare iniziative di formazione in relazione agli specifici bisogni locali
  • L’accreditamento amplia il raggio d’azione della scuola aumentandone concretamente l’autonomia nel contesto locale.



Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi